CdP

Mese: Gennaio 2015

Omaggio a Don Salvatore Palumbo, storico, poeta, musicista, l’Arciprete

Don Salvatore Palumbo( Pignataro Maggiore 05-12-1915- Roma – 27-04-1974) entrò giovanissimo nel Seminario di Calvi e Teano, ove compì anche i suoi studi ginnasiali e parte di quelli liceali, prima di frequentare la facoltà Teologica di Posillipo, conseguendo la laurea in Sacra Teologia “ maxima cum laude”. A 23 anni fu ordinato sacerdote e iniziò…

SUCCESSO ALL’ISISS MARCONI PER L’OPEN DAY 2015

Vairano Patenora – Mentre continuano ogni giorno le visite di alunni e genitori delle scuole medie agli incontri dell’Isiss Marconi, diretto dal preside Ignazio Del Vecchio, sabato e oggi vengono riscontrati afflussi consistenti di famiglie per l’Open Day 2015, organizzato di pomeriggio e di mattina presso le sedi dell’Isiss della Città dello Storico Incontro, ieri…

Iniziata la pubblicazione dei nostri e-book sulla libreria online di Google

Siamo in procinto di avviare una serie di aggiornamenti tecnici alla nostra piattaforma. Uno dei primi passi é stato creare la libreria online di CdP nello store di Google, dove confluiranno gradualmente tutte le nostre pubblicazioni elettroniche. Abbiamo appena reso scaricabile (gratis), l’e-book “Il Convento di San Pasquale in Pignataro Maggiore: Cenni sulla nascita. II…

La Congregazione di Carità comunale per i poveri di Pignataro Maggiore

A seguito dell’unificazione nazionale italiana, la legge 3 agosto 1862 n. 753 («legge Rattazzi») istituì la congregazione di carità con lo scopo di curare l’amministrazione dei beni destinati all’erogazione di sussidi e altri benefici per i poveri. La legge prevedeva una congregazione di carità per ciascun comune. Anche Pignataro dovette adeguarsi alle leggi che imponevano…

Tutela Cales. il Sindaco Marrocco scrive a Franceschini e a Bray

Il sindaco di Calvi Risorta, Giovanni, sta preparando una lettera d’invito per il ministro ai Beni Culturali, Dario Franceschini e per l’ex ministro Massimo Bray, dopo l’operazione delle Forze dell’Ordine che ha disarticolato una fitta rete di ladri di opere archeologiche, operante nell’area campana e, soprattutto, sui 65 ettari di giacimento urbano dell’Antica Cales: una…

Ancora furti nell’area archeologica: l’Antica Cales ancora in mano ai tombaroli

CALVI RISORTA – Nella necropoli di Cales continuano ad agire i tombaroli. La circostanza emerge dall’ordinanza firmata dal gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Nicoletta Campanaro che fa proprie le considerazioni della Procura della Repubblica nell’ambito dell’inchiesta sul traffico di reperti archeologici. Mondragone era la base per studiare i colpi. Angelo Valente è…