CdP

Quando la demenza senile arriva in anticipo

PIGNATARO – Che tra i sostenitori e tirapiedi di Cuccaro ci fossero delle persone giunte alla demenza senile precoce si era già avuto riprova nel passato, ma il caldo afoso di quest’estate ha accelerato il processo di decesso delle cellule celebrali, al punto da evidenziare quanto le lesioni in alcuni sinistri personaggi abbiano ormai raggiunto livelli patologici.
Le lunghe corsette, rigorosamente fatte a “chiappe strette”, sotto il sole cocente hanno fatto ribollire il liquido cerebrospinale che ha inesorabilmente cotto la già scarsa materia grigia al punto da non riuscire a distinguere una provocazione da un articolo di cronaca.

E’ evidente che lo spirito da patata lessa di certi indecifrabili personaggi – che balbettano con la mente più che con la lingua – è fortemente condizionato dalla loro balbuzie mentale, al punto da far si che si preoccupino degli attacchi di dissenteria del prossimo (problema che avvertono sulla propria pelle, data la contrazione anale che applicano ogni qual volta muovono un passo a piedi).

Date le proprietà lassative di certi luoghi, che hanno visto evacuazioni che sono durate oltre l’ora, si sarebbe potuto cercare di identificare gli improbabili destinatari di altrettanto improbabili prebende, oltre che avviare uno studio da parte delle aziende farmaceutiche impegnate nella soluzione della stitichezza. Per quella mentale – purtroppo – pare ci si sia rassegnati al fatto che non esista soluzione.

Qualcuno si chiede come mai il Primo Cittadino abbia saputo i nomi di chi sarebbe stato colto dagli improvvisi problemi gastrointestinali, senza curarsi del fatto che chi invece ricopre il ruolo pubblico di “essere nessuno” sia a conoscenza di fatti ben più reconditi: concorrenti che avrebbero ricevuto promesse, di bigliettini ritrovati nei bagni ecc ecc.

Certo, la compagine cui fa capo l’arguto servo sciocco aveva, per così dire, degli “infiltrati speciali”, ma questa è l’unica cosa che tutti omettono con accortezza di dire.

Beh, che aggiungere, se Cuccaro continua ad attorniarsi di questi personaggi, per la prossima campagna elettorale dovrà prendere lezioni di corsa a “chiappe strette” di suoi adepti, per sperare di non fare figuracce al responso delle urna. Intanto, loro, che per esigenze fisiologiche hanno i muscoli dei glutei ben contratti, possono continuare approfittare del loro leader per soddisfare le pulsioni ad assaggiare certi sapori.

Alfio Privato

© Riproduzione riservata

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *