CdP

Nemmeno accendere un lume ci è permesso

Spett.le Cdp,

da quasi un mese la luce votiva davanti alla lapide di mio padre – nel cimitero di Pignataro Maggiore –  si è spenta e non riesco a farla sostituire.

Ho tentato varie volte di contattare la ditta che si occupa della gestione (in regime di monopolio) delle lampade votive, senza mai riuscire. Ditta che é sempre solerte e presente quando si tratta di riscuotere i canoni.

Non mi interessa saper le ragioni per cui mi é impossibile far ripristinare la luce che ho pagato.  Mi interessa che questa venga aggiustata e che almeno un giorno al mese un delegato della ditta sia presente al cimitero per garantire il servizio e curare i rapporti con i clienti. É forse anche questo chiedere troppo a Pignataro?

Vi ringrazio

© Riproduzione riservata

Categoria

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *