CdP

PUGLIA. Cangelli, rinviato a giudizio, lascia campagna elettorale.Vitiello, condannato, resta in pista per i Verdi

Con una lettera inviata alla Federazione dei Verdi, il candidato al Consiglio regionale della Puglia nella circoscrizione di Foggia, ha comunicato di aver rinunciato alla candidatura e alla campagna elettorale. Erano stati i commissari regionali a chiedere al candidato di fare un passo indietro dopo aver appreso che Cangelli aveva una pendenza giudiziaria (un rinvio a giudizio per il fallimento di un’agenzia).

I Verdi nei giorni scorsi avevano attaccato il candidato presidente del Pd Michele Emiliano proprio per aver accettato nelle sue liste candidati coinvolti in vicende giudiziarie. I commissari regionali Maurizio Parisi e Simona Internò sono stati indulgenti però con un altro dei candidati Consiglio regionale della Puglia nella circoscrizione di Bari, l’ingegner Giuseppe Vitiello, ex presidente della municipalizzata “Pignataro Patrimonio Srl”, condannato il 13 maggio dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, seconda sezione monocratica, alla pena di diecimila Euro di ammenda, al pagamento delle spese processuali e al risarcimento dei danni in favore della costituita parte civile – il Comune di Pignataro Maggiore- da liquidarsi in separata sede.

Giuseppe Vitiello è stato riconosciuto responsabile per il capo “A” dell’imputazione perché “quale legale rappresentante della “Pignataro Patrimonio Srl”, gestore del sito di stoccaggio rifiuti urbani, consentendo che il percolato fuoriuscisse da un cassone contenente RSU e non effettuando una corretta impermeabilizzazione del suolo, smaltiva impropriamente rifiuti speciali non pericolosi allo stato liquido depositandoli in modo incontrollato sul suolo del piazzale della ditta “Pignataro Patrimonio srl”. Per il capo “B” dell’imputazione – relativo allo scarico delle acque reflue, in quanto la “Pignataro Patrimonio Srl” gestiva anche il depuratore comunale – Vitiello è stato assolto (insieme con il co-imputato Giorgio Magliocca, ex sindaco di Pignataro Maggiore) “perché il fatto non è previsto dalla legge come reato”.

 

Bartolo Mercone

 

© Riproduzione riservata

Share This:

1 comment for “PUGLIA. Cangelli, rinviato a giudizio, lascia campagna elettorale.Vitiello, condannato, resta in pista per i Verdi

  1. verdi puglia
    20 Maggio 2015 at 16:52

    Buonasera,
    Vi comunichiamo che Giuseppe Vitiello ha rinunciato alla sua candidatura come da noi richiesto, poichè la federazione dei Verdi era all’oscuro delle vicende giudiziarie che lo interessavano e di cui siamo venuti a conoscenza tramite la stampa.
    Cordiali saluti

    Simona Internò e Maurizio Parisi

    Commissari regionali della Federazione dei Verdi di Puglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *