CdP

Concordia: indagato Diana. Matano ai domiciliari

Nuove accuse per la cooperativa rossa dopo le dichiarazioni del pentito Antonio Iovine. Indagato Lorenzo Diana  ex segretario della commissione antimafia.

Otto sono le misure cautelari, di cui sei arresti, eseguite dai Carabinieri del Noe nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Napoli sui rapporti con i clan dei Casalesi relativi ad appalti per la metanizzazione in vari comuni del Casertano.

Tra gli arrestati ci sono il presidente della coop Concordia, Roberto Casari (già ai domiciliari per il caso Ischia), Giuseppe Cinquanta, Antonio Piccolo, ex responsabile commerciale Lazio-Campania-Sardegna, il subappaltatore della coop, e Antonio Piccolo, il costruttore Claudio Schiavone. Ai domiciliari i dirigente della Cpl Conocrdia, Giulio Lancia e Pasquale Matano, quest’ultimo di Pignataro Maggiore, ex presidente del Valente Calcio ed ex responsabile di esercizio di Cpl .

Indagato  per concorso esterno in associazione mafiosa ed abuso di ufficio l’ex senatore e deputato  Lorenzo Diana, di casa a Pignataro Maggiore, nel circolo dei Ds prima e Pd poi, già esponente del Pci campano e parlamentare con il Pds e i  Ds, dal 1994 al 2006 membro della Commissione Parlamentare Antimafia e dal 2006  Responsabile Nazionale DS per la lotta alle mafie, candidato non eletto tra le file dell’Italia dei Valori alle  regionali in Campania nel 2010. Per lui il giudice ha stabilito il divieto di dimora in regione Campania. “Non ho letto ancora il provvedimento e cosa mi si addebita. Mi sembra di essere tra un sogno e Scherzi a parte”, avrebbe commentato Diana appena ricevuta la notifica del divieto   di dimora.

L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto di Napoli Giuseppe Borrelli e dai pm della Direzione Distrettuale Antimafia Catello Maresca e Cesare Sirignano. Tra le accuse contestate vi sono quelle di associazione per delinquere e concorso esterno in associazione mafiosa.

 

Rec/Cro

 

 

© Riproduzione riservata

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *