CdP

I NOISY alla Sagra degli Antichi Sapori

Si chiamano Noisy, ma la loro musica è tutt’altro che rumore. E’ il grande rock dei Led Zeppelin, dei Guns & Roses, dei Metallica, con incursione in momenti musicali più prettamente pop al fine di evidenziare appieno le doti della vocalist, la giovanissima Greta Giordano. Stasera si esibiranno alla Sagra degli Antici Sapori a Pignataro Maggiore e, quindi, riprenderanno il loro percorso mirato a portare nelle piazze il grande rock e la musica pop di classe. Del gruppo fanno parte, oltre a Greta, i cugini Giuseppe Adduce, il senior della band con i suoi diciotto anni, alle chitarre, Giuseppe Adduce junior alle chitarre, Pietro Nacca alle tastiere e Piergiorgio Manno alla batteria.

La band, quindi, sta continuando nel percorso iniziato qualche anno fa, perfezionando gradualmente la qualità della proposta musicale di hard e progressive rock. Sono ragazzi che abbiamo seguito fin dall’inizio, che si sono messi in gioco al fine di raggiungere risultati di apprezzabile livello e che hanno l’intento, tramite il progressive e l’ hard rock che tanto amano, di proporre buona musica di classe, coniugando, ovviamente, data la giovanissima età, tale passione con lo studio.

Quindi i NOISY sono un gruppo che ” ci crede ” come suol dirsi, in quanto forte è la passione per la musica e tanta è la voglia di farsi conoscere, divertendo ed emozionando le persone con il loro talento. L’ aver scelto di denominarsi Noisy è anche una maniera simpatica ma nel contempo intelligentemente provocatoria di rimarcare e comunicare che non trattasi affatto di ” rumore”.

Darvi la scaletta dei brani che il gruppo dei giovanissimi pignataresi proporrà stasera, a partire dalle ore 22:00, non si mostra, anche giornalisticamente parlando, una giusta opzione ed è meglio che sia il tutto una sorpresa per i nostri lettori, e parzialmente anche per noi, in quanto avremo successivamente modo per essere più attenti e apprezzare la proposta musicale per scrivere una recensione del concerto.

Angelo Martino
redazione

© Riproduzione riservata

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *