CdP

Hp a Pozzuoli, VI giorno di sciopero: il caso in parlamento

Continua senza sosta la protesta dei lavoratori di Hp di Pozzuoli, che ieri sono stati ricevuti dal sindaco di Napoli De Magistris. Facile, per i 61 dipendenti di Hp, quasi tutti laureati in materie tecnico/scientifiche e con una età media che si aggira tra i 40 ed i 45 anni, convincere i propri interlocutori delle ragioni della loro protesta.

Tra i primi a convincersi della assoluta necessità di contrastare il disimpegno totale in Regione Campania il consigliere regionale Gianpiero Zinzi; il consigliere regionale Giovanni Zannini; il sindaco di Pozzuoli  Vincenzo Figliolia;   il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ed i parlamentari Scotto e Di Lello, entrambi autori di altrettante interrogazioni parlamentari.

Oltre alle prese di posizione dei Consiglieri Regionali Zannini e Zinzi, anche il sindaco Figliolia, nei giorni scorsi, ha diffuso una nota di solidarietà ai dipendenti Hp di Pozzuoli, che riportiamo di seguito:

[blockquote style=”1″]Esprimo solidarietà e vicinanza ai lavoratori della Hp di Pozzuoli. Come amministrazione siamo disponibili, per quanto di nostra competenza, ad essere parte attiva per trovare una soluzione, coinvolgendo altri livelli istituzionali. Non vogliamo che vada disperso un patrimonio di professionalità, come quello della sede puteolana di questa multinazionale. Siamo vicini alle tante famiglie che in queste ore sono in attesa di conoscere le proprie sorti. Ci auguriamo che si possa giungere presto ad una risoluzione positiva per tutti.[/blockquote]

Odg del Consiglio Comunale di Napoli su vertenza HP

Odg del Consiglio Comunale di Napoli su vertenza HP

Tutti i politici menzionati hanno dato disponibilità a supportare la vertenza dei lavoratori #Hp nelle sedi istituzionali, chiedendo di essere invitati al tavolo di trattative tra azienda e lavoratori al Mise.

Il coinvolgimento di de Magistris, ieri, é stato ottenuto grazie ad una manifestazione svoltasi sotto la sede del Consiglio Comunale di Napoli. de Magistris si è intrattenuto con i lavoratori Hp, in strada ed ha chiesto ad una delegazione di seguirlo nel suo ufficio per comprendere i termini del problema.

Al termine dell’incontro ha inviato la richiesta al Mise di essere invitato al tavolo di concertazione del prossimo 22 luglio, approvando un odg in Consiglio Comunale di sostegno alla vertenza dei 161 lavoratori Hp.

 

Verrá intanto discussa nel “question time” odierno, al Parlamento, l’interrogazione presentata dall’on.le Di Lello (Psi), come comunicato dallo stesso attraverso una nota stampa e riportato dal sito “Rai Parlamento” , il cui messaggio riportiamo integralmente:

[blockquote style=”1″]mercoledì 15 luglio

La ministra per le Riforme Costituzionali e Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, risponde ad una interrogazione sulle recenti notizie di stampa relative ad intercettazioni di conversazioni che coinvolgono il Presidente del Consiglio dei ministri. Il ministro delle Politiche Agricole e Forestali, Maurizio Martina, risponde ad una interrogazione sulle iniziative per salvaguardare la produzione lattiero-casearia con riferimento alla recente diffida dell’UE per l’eliminazione del divieto di utilizzo del latte in polvere. Il ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, risponde ad interrogazioni sul rischio di attacchi terroristici connessi alla politica estera dell’Italia, anche in considerazione del recente attentato al consolato italiano del Cairo; sulle iniziative per la stabilizzazione dei Paesi del Nord Africa, il contrasto ai movimenti radicali di matrice islamista e l’affermazione progressiva dello Stato di diritto. La ministra dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, risponde ad interrogazioni sulle iniziative per evitare la realizzazione di progetti di trivellazione nel Mar Ionio, al fine di preservare la vocazione agricola e turistica dei territori interessati ; sulle iniziative per scongiurare la chiusura dello stabilimento Hp di Pozzuoli; sulle iniziative volte a prevedere adeguate sanzioni a carico delle compagnie fornitrici di servizi per il rispetto dell’iter relativo alla sospensione della fornitura nei casi di morosità; sulle iniziative a sostegno del comparto della grande distribuzione di arredi ed accessori per la casa, anche al fine di agevolare la soluzione della vertenza relativa alla contrattazione integrativa negli stabilimenti Ikea; sulle iniziative per assicurare il rispetto dell’accordo del 3 dicembre 2014 riguardante Acciai speciali Terni spa al fine del rilancio dello stabilimento umbro e del relativo indotto; sugli orientamenti del governo in ordine a tempi e modalità di sviluppo della banda ultralarga.

Rai2 ore 14.58[/blockquote]

CdP

[ot-video][/ot-video]

 

 

 

© Riproduzione riservata

Share This:

2 comments for “Hp a Pozzuoli, VI giorno di sciopero: il caso in parlamento

  1. Federico Femiano
    15 Luglio 2015 at 20:09

    Chiedo scusa, ma vista la mole di articoli riguardanti l’HP di Napoli mi chiedevo quante persone di Pignataro Maggiore vi lavorano.
    Quanti? E chi, così magari possiamo esprimere la nostra solidarietà.
    Saluti

  2. Pietro Ricciardi
    15 Luglio 2015 at 20:22

    Salve, non é una questione di quante persone ma di chi: il sottoscritto. Sono di sicuro la persona giusta per fare in modo di dare un contributo di visibilità alla vicenda che colpisce Hp, vivendola in prima persona.
    Per quanto riguarda lo solidarietà, la giro ai miei colleghi, supponendo che non si voglia limitare a farla ai soli dipendenti di Pignataro. Se avessimo voluto fare questi calcoli anche per quanto riguardo la Nuroll, ad esempio, avremmo dovuto essere solidali con una dozzina di persone, invece lo siamo stati con tutti i lavoratori!
    Comunque visto che é così sensibile, a breve pubblicheremo anche al risposta del Ministro all’interrogazione discussa oggi in Parlamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *