CdP

HP Pozzuoli, cronaca di un lunedì bollente (tra MIUR e MISE)

Con cuore al MIUR

Alle 11,34 l’esercito dei cento informatici di HP Pozzuoli svolta l’ultima curva romana.
Dopo quattro ore di un interminabile viaggio, nonostante i 40 gradi di un torrido lunedì (20) di luglio, il maestoso edifico del Ministero dell’Istruzione si erige dinanzi ad essi.

Sui loro volti sudati, leggo l’orgoglio.

Cento donne ed uomini provenienti dalle cinque province campane riunitosi alle 6,30 davanti i loro soliti uffici e partiti per la capitale, destinazione MIUR, uno dei più importanti clienti della società informatica americana per la quale lavorano da quasi vent’anni.

Armati di fischietti, volantini e striscione i cento ingegneri del softwareinvadono viale Trastevere ed urlano la loro rabbia.

Dalla strada bollente, controllati a distanza da una squadra di poliziotti, si alza il suono della protesta che all’unisono perfora l’atmosfera e giunge fin dentro le fresche stanze dei funzionari ministeriali intenti a regolare l’aria condizionata.

Esistiamo.
Siamo 161 persone.
Guardateci in faccia.
Non siamo indirizzi e-mail per chiedere assistenza.
Non siamo recapiti telefonici ai quali affidarsi.
Non siamo una cifra visualizzata in un foglio excel.
Non siamo un errore da correggere in un bilancio aziendale.
Non siamo l’obiettivo da perseguire per un manager americano.
Non siamo 161 numeri di matricole da cancellare per «ridurre i costi».

Siamo professionisti dell’Information Technology, lavoriamo in HP Pozzuoli ed abbiamo realizzato le più importanti applicazioni per il MIUR: dal concorso docenti alle commissioni di esami, dagli applicativi per le frequenze degli studenti al TFR dei precari, dalle iscrizioni on-line alla fatturazione elettronica, dall’assistenza a tutti i fornitori delle scuole agli esami di stato …

Blocchiamo tutte le attività informatiche da dieci giorni per impedire lo smantellamento del sito di Pozzuoli, l’unica sede HP in Campania (insieme a Bari, l’unica nell’intero sud Italia).

Con la testa al MISE

Dopo il MIUR procediamo verso il Ministero dello Sviluppo Economico.
Dopo l’interpellanza parlamentare al ministro Guidi è previsto un incontro istituzionale al quale partecipano il sindaco di Pozzuoli, un funzionario del Comune di Napoli, un assessore della Regione Campania, le RSU, i sindacati ed i vertici aziendali per discutere sul futuro di HP in Italia.

E’ tempo di trattare, sangue freddo ed incrociamo le dita.

«HP conferma la chiusura della sede di Pozzuoli», sono le parole del sindaco di Pozzuoli, il primo ad uscire dal MISE ed aggiornare noi lavoratori raccolti sotto il ministero ed in attesa da quasi tre ore di conoscere il verdetto.

La doccia gelata è servita.

Torneremo a casa verso le undici di sera, diciassette ore dopo la partenza da Pozzuoli.
Distrutti, stanchi, incerti, viaggiamo lungo l’autostrada in due autobus vicini, quasi a darci forza a vicenda.

Aggiornamento

Il Ministro fissa un nuovo tavolo istituzionale per lunedi 27 luglio mentre noi lavoratori della sede di Pozzuoli continuiamo lo sciopero ad oltranza finché da HP non giungerà un segnale di apertura.

 

© Riproduzione riservata

Share This:

1 comment for “HP Pozzuoli, cronaca di un lunedì bollente (tra MIUR e MISE)

  1. Jesolano strano
    23 Luglio 2015 at 10:55

    Peccato, ragazzi miei che non vi sia venuto in mente che il lavoro (qualunque tipo di lavoro), sia solamente un investimento a PROFITTO da parte delle società di borsa, E NON un diritto dei lavoratori per procurarsi una paga dignitosa alla sopravvivenza delle parti ( a dispetto dell’articolo 1mo della Costituzione Italiana che affermerebbe che l’Italia è una Repubblica basata sul lavoro… anziché sui proventi delle tasse imperniata sul lavoro e sulle spese e rischi altrui !

    Sorry, per tutti voi, ma in un mondo in cui solamente il profitto è la regola degli affari… difficilmente (impossibile direi io) sarà per voi (e chi come voi),poter veramente contare sul diritto ad un lavoro (che non mancherebbe), se il profitto di chi in esso vi investirebbe denaro, mezzi (e persone ma solo come numeri e NON persone con bisogni e necessità proprie) viene meno!

    BUONA FORTUNA A TUTTI VOI, ma… IN UN MONDO E SISTEMA DA RIFORMARE NELL’ETICA DI VITA ED ECONOMIE DELLE PARTI, però !

    Lo strano Jesolano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *