CdP

*Camigliano* – Edificio scolastico di via Lugi Cennamo ridotto a deposito rifiut

Ha dell’incredibile la scena che si presenta ai passanti che, nel comune di Camigliano, dovessero trovarsi a percorrere largo Luigi Cennamo, dove si trova l’ex istituto scolastico, abbandonato dopo le scosse telluriche dell’ottanta.
Vetri rotti, calcinacci ed addirittura rifiuti ingombranti lasciati nel recito e, quale cornice a tutto questo, bambini che giocano. Si, bambini che entrano nel cortile grazie ai cancelli lasciati aperti e che giocano tra calcinacci, rifiuti e vetri rotti, rischiando di farsi male.
L’angolo preferito dai piccoli cittadini camiglianesi è un traino posto sotto alcune finestre i cui vetri sono parzialmente rotti e che potrebebro cadere da un momento all’altro investendo gli ingenui frequentatori del luogo.
Poco più in la è parcheggiato il camion per la raccolta della spazzatura, sempre entro il recito dell’edificio, a voler enfatizzare ulteriormente lo stato di degrado del luogo e a voler sottolineare il grave rischio sanitrario cui sono esposti i bambini.
I lucchetti che dovrebbero chiudere i due cancelli di accesso all’area sono solo appoggiati alle basse inferriate, comunque semplicemente scavalcabili.
All’indirizzo http://blog.comunedipignataro.it/blog/jetbuster potete osservare un agghiacciate mini reportage fotografico.
Ci auguriamo che l’Amministrazione Comunale provveda al più presto a bonificare l’edificio, eliminare le possibili cause di incidente (vetri rotti e rifiuti ingombranti) e soprattutto a fare in modo che i piccoli non possano accedervi mettendo a rischio la propria incolumità.

Pietro Ricciardi

© Riproduzione riservata

Share This:

1 comment for “*Camigliano* – Edificio scolastico di via Lugi Cennamo ridotto a deposito rifiut

  1. antonio
    30 Ottobre 2004 at 23:44

    Bravissimo Pietro, ho visto le tue foto della struttura dell`edificio scolastico in Camigliano.Edifici come questi dovrebbero essere immediatamente abbattutti per non creare rischi soprattutto ai bambini e per non diventare covi per loschi usi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *