CdP

*Caserta* – Massimo Rossi leader casertano di ‘Destra Sociale’

Dovrebbe essere Massimo Rossi il leader casertano della corrente “Destra Sociale” di A.N., mentre il candidato alle regionali più accreditato al momento sembra essere Angelo Polverino. Negli ultimi mesi gli equilibri interni alla corrente sono profondamente cambiati, a farne le spese il giovane sindaco di Pignataro Giorgio Magliocca, accreditato per un lungo periodo come uno dei due plenipotenziari casertani del Ministro Alemanno, insieme al capo gruppo del comune di Caserta Marco Cerreto.
Sembra che il sindaco di Pignataro non abbia nemmeno partecipato alla riunione di corrente tenutasi venerdì 26 novembre al Forum congressi, e qualcuno comincia sospettare che la giovane fascia tricolore stia meditando addirittura di cambiare corrente.
Anche tra i suoi sostenitori, a quanto è dato sapere, serpeggia l’amarezza per la quasi certa mancata candidatura alle regionali del loro leader, e più di uno pare voglia aderire alla corrente del deputato di Casal di Principe On. Coronella, che già gode della simpatia di tanti militanti di A.N. in tutto l’Agro caleno.
Dopo i molti riconoscimenti per gli ottimi risultati elettorali, concretizzatisi con la massiccia presenza nei vari consigli di amministrazione a nomina politica di uomini vicini a Giorgio Magliocca, la sua carriera politica pare subire una brusca frenata e le sue ambizioni sembra siano destinate a ridimensionarsi.
Comunque nonostante “Destra Sociale” abbia voluto investire su altri personaggi ritenuti più esperti, il sindaco di Pignataro resta uno degli uomini più forti di A.N. in tutta “Terra di Lavoro”.
Alle prossime provinciali sarà sicuramente della partita a difendere con i denti il seggio al parlamentino di corso Trieste.
Non sarà facile; le condizioni non sono quelle a lui estremamente favorevoli del 1999 , ma la fascia tricolore pignatarese farà di tutto per restare in sella, ma farà parte ancora della scuderia del Ministro Alemanno?.
I prossimi mesi sicuramente si avranno le risposte a tutti gli interrogativi.

Stella Di Nallo

© Riproduzione riservata

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *