CdP

Presentazione del libro di Paola Broccoli ” L’Informatore” il 27 aprile

CASERTA – Il 27 aprile 2016, presso la Sala Conferenze della Biblioteca Diocesana, in piazza Duomo, 11 – Caserta, alle ore 18:00, promossa dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose “S.Pietro”, si terrà la presentazione del libro di Paola Broccoli, dal titolo “L’Informatore – giornale operaio della Sit-Siemens di Santa Maria Capua Vetere”.
Interverranno Luigia Grillo, Direttore Archivio di Caserta, Pasquale Iorio, Piazze del Sapere, Giovanni Cerchia, Docente dell’Università del Molise, Amedeo Lepore, Assessore alle Attività Produttive della Regione Campania, introdurrà don Nicola Lombardi, Direttore ISSR “S.Pietro”. Modera Enzo Mulieri, Giornalista de “Il Mattino”.
All’evento sarà presente Adelchi Scarano, Responsabile Commissione Operaia ex PCI di Caserta, e vi saranno le testimonianze di ex dipendenti della Sit-Siemens, Antimo de Luca e Renato Ferraro. Il libro contiene foto di Giovanni Izzo e documenti di Andrea Sparaco.
L’investimento industriale nel meridione paga dazio doppio rispetto al resto del Paese. Se le Regioni italiane industrialmente più produttive sono in crisi, la mancanza di infrastrutture, la presenza invasiva e capillare della criminalità organizzata, un sistema di imprese che opera in nero, la subalternità di una politica piegata ad interessi volti a distruggere i territori, ritardi di ogni genere, l’indifferenza del Governo e l’inconsistenza delle politiche attuate, sono tutti fattori che fanno del sud Italia, ancora, una “Questione Mezzogiorno”. Se a questo si aggiungono quelle agevolazioni agli “industriali” mascherate da incentivi pubblici all’industria, allora è chiaro che settori interi come la Saint-Gobain, la Indesit, la Face-Standard, la GTE, la 3M, l’Olivetti, la Sit-Siemens, spariscono appena finiscono gli “aiuti” pubblici.
Nelle fabbriche di allora però, grazie al comportamento dei lavoratori, al loro impegno al di fuori dell’orario lavorativo, oltre la preoccupazione di mantenere il posto di lavoro, c’era una naturale voglia di partecipazione, di informazione, di organizzazione, di democrazia, proiettata verso il miglioramento delle condizioni sociali e lavorative di ognuno. Già l’idea di un giornale operaio, edito all’interno di una fabbrica, in rapporto con il mondo operaio di altre esperienze di fabbrica, sembra storia di altri tempi. In ogni caso questo libro porta alla memoria sensibilità ed esperienze che ancora oggi possono essere di esempio.

C.S.

© Riproduzione riservata

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *