CdP

Risposta di Ricciardi a Fucile

Egregio ing. Fucile,

avevo deciso di ignorarla durante questa campagna elettorale e durante il resto della mia vita, non ritenendola degno di un minuto della mia attenzione. Purtroppo mi sento chiamato in causa quale co-direttore di CdP dal suo comunicato nel quale cerca un artificio linguistico (sicuramente attraverso il ricorso ad un ghost writer)   per fuggire dalla proposta di Magliocca di un confronto pubblico.

Mi sembra strano che lei non abbia colto che la proposta di Magliocca, che chiedeva ad una testa giornalistica e non ad un giornalista, di fare da moderatrice, non è stata presa da noi in nessuna considerazione (devo dire anche con un pizzico di cattiva educazione perché non abbiamo nemmeno risposto).

Adesso, dico io, se ci trovassimo a fare quattro chiacchiere al bar le direi: “Ma chi te ca…lcola”, ma trovandoci sulle pagine di un giornale devo qualche spiegazione ai nostri lettori e non certo a lei.

Visto che non eravamo interessati a moderare un dibattito, le sembrava il caso di parlare di arbitri non imparziali ecc ecc?

Ha ritenuto di volerci trascinare nel  dibattito politico e devo dunque specificarle che un qualsiasi evento organizzato da CdP sarebbe dovuto necessariamente passare per le mie mani, non perché abbia la facoltà di porre veti, ma per il fatto di essere la persona operativa nella redazione. Orbene, questa persona operativa avrebbe potuto moderare un confronto tra Mazzuoccolo e Magliocca, ma la sua presenza lo avrebbe disturbato.

Non perché lei è l’uomo del peggior sindaco che Pignataro abbia mai avuto (Raimondo Cuccaro), tanto che la sua lista viene scherzosamente etichettata come “La Svolta bis”. Nemmeno perché lei pur di avere qualche vana speranza di poter indossare la fascia,  ha preferito unirsi con chi lei stesso ha definito “il grande male di cui e’ afflito pignataro“. Se ha deciso di essere il prosieguo di quel male che additava con tanta energia, i cittadini sapranno relegarla sotto la soglia dei 500 voti – spero per loro. E tantomeno per il fatto che lei si è sempre dichiarato favorevole alle biomasse, fino all’inizio di questa campagna elettorale. Fatto che emerse in maniera violenta quando un suo congiunto ebbe in mente di realizzare un impianto a biomasse a Pignataro Maggiore sulla Casilina (a un tiro di schioppo dal centro cittadino). Ricorderà la replica al mio articolo da parte del suo grande sostenitore anche in questa tornata elettorale, e la mia replica ulteriore.

Questi, insieme a tanti altri, Le dicevo, non sono motivi che giustificano la mia volontà di non moderare un dibattito nel quale ci fosse anche Lei. Al limite questi sono elementi che gli elettori dovranno valutare (sempre insieme a tanti altri) quando si troveranno nel chiuso della cabina elettorale.

Io non la ritengo la persona giusta per Pignataro. Non ho stima di lei e la ritengo che lei sarebbe – qualora dovesse arrivare alla poltrona di Primo cittadino – “il nuovo grande male di cui sarebbe afflitto Pignataro”, come il primo, ma con il volto più sorridente e meno trasparente. Ma ancor di più lei ha una responsabilità enorme nei confronti di una parte importante dei cittadini di Pignataro Maggiore. Quelli che avrebbero voluto esprimere un voto ideologico a sinistra. Si rende conto del profondo dolore che questi provano, già oggi, a dover scegliere tra Lei, Magliocca e Mazzuoccolo? Ha rubato la sinistra alla sinistra pignatarese, con la complicità di Cucccaro.

So che questo le sembra poca cosa, ma io credo nelle ideologie come elaborati degli ideali delle persone. Ad un campione olimpionico di salto della quaglia come lei, questa sembrerà una bazzecola.

La invito, quindi, ad evitare di tirare in ballo chi non si era prestato ad entrare nella polemica politica, per evitare che noi di CdP possiamo ricordare ai pochi elettori che potrebbero darle il propri voto, perché non farlo.

 

Pietro Ricciardi

 

 

 

© Riproduzione riservata

Share This:

1 comment for “Risposta di Ricciardi a Fucile

  1. Pietro Ricciardi
    3 Giugno 2016 at 12:37

    Ritornermo su questi ed altro nel commento ai comizi elettorali di questa sera, che appronteremo durante la notte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *