CdP

È stato voto di cambio qualcosa o di cambio tutto per non cambiare nulla?

Se si smette di scrivere dopo le elezioni, non si rispettano i lettori,  e si è uguali a quei candidati che, finita la campagna elettorale, ti tolgono il saluto e i like. Per quanto mi riguarda la mia non è una scrittura di “scambio”, ma una libera e indipendente espressione di pensieri, a cui non rinuncio nel rispetto mio e di chi mi legge da anni.

Scrivere che sta cambiando ancora una volta tutto, ma che non cambierà nulla da 15 anni è un esercizio faticoso, ma smetterlo di farlo sarebbe una mancanza di rispetto verso chi legge quello che scrivo, spesso senza condividere neanche uno spazio  bianco o un punto nero, ma con la certezza che dietro le mie parole non c ‘è altro fine che dire quello che penso.

I primi atti politici qualificanti della nuova maggioranza sono stati la nomina del presidente del consiglio comunale e del suo vice. Il presidente Cesare Cuccaro è stato assessore al LLPP nella precedente amministrazione per 30 mesi, per poi passare nelle fila della minoranza. Il vice presidente Fucile è stato per qualche mese vice sindaco di Cuccaro, dopo aver deciso un anno fa di appoggiare la sua amministrazione. Ho il dubbio che qualche buon proposito sulla discontinuità sia rimasto a lastricare il pavimento del balconcino.

I  complimenti per l’attuale amministrazione, che secondo qualcuno sarebbe “partita a vele spiegate”,  per aver provveduto a tagliare un po’ di erbacce e a pulire qualche angolo del centro storico, ma non ricorda che al decoro del paese avrebbe dovuto provvedere prima  l’amministrazione uscente di cui ha fatto parte, mi lasciano perplesso. Saranno mica interessati?

La politica si colora di rosa ma continua a pensare al maschile, e sono ancora gli uomini a scegliere per le donne.  Ma la colpa non è sola degli uomini, ma soprattutto   delle donne che non scelgono le donne.

È passato un anno dalla scoperta della mega discarica in area ex Pozzi,  e i fossi non li abbiamo coperti neanche con i se e i ma. Alla politica questo  non interessa. Ha altro  a cui pensare, per esempio alle  percentuali delle quote rosa piuttosto  che alla percentuale di inquinamento del nostro territorio. Nel  circo  Barnum non  è ammesso il riposo.

Bartolo Mercone

 

© Riproduzione riservata

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *