CdP

Discontinuità è rispetto delle regole

Il primo atto politico della amministrazione Magliocca è stato quello di cercare di aggirare la norma che prevede  in giunta una rappresentanza di genere non inferiore al 40%. Roma, Torino, Barcellona, Madrid sono  guidate da un sindaco donna.  I paesi vicino a Pignataro, tranne Giano se non ricordo male, rispettano questa  norma di legge.

A Pignataro pare non  esista tra le oltre 3100 iscritte all’anagrafe  una seconda  donna che abbia i requisiti per poter entrare in giunta. Questo fatto non rispetta  le donne e l’intelligenza dei cittadini, che dopo le elezioni  sono ridiventati utili come la erre della Marlboro.

La discontinuità della facce serve a chi colorerà il suo  iban, non al paese. Pignataro ha bisogno delle discontinuità nei contenuti della politica. Al nostro paese  serve una rivoluzione  culturale che parte dal rispetto  delle regole. Di benefattori poco benevoli per il paese,  di furbetti del rionicino, di relativisti della legalità, per i quali la legalità un principio che vale per gli altri  e non per sé stessi, ne abbiamo avuti troppi. Davvero è auspicabile per certi personaggi che  il tanto declamato  #maipiù  dentro palazzo Scorpio si concretizzi.

Non si è credibili nel chiedere ai cittadini di rispettare  le regole di civiltà, come quelle di praticare con scrupolo la raccolta differenziata, e poi come primo atto dopo  l’insediamento non  si rispetta una norma  di civiltà politica, come la parità di genere prevista per legge.

Non  smetto  di scandalizzarmi per le cose che  a  mio avviso non vanno, solo perché a Palazzo Scorpio sono  cambiati gli inquilini. Non ho bisogno di svestire  l’abito con la croce ricamata sul petto, perché non ho mai fatto crociate contro nessuno, né sono mai stato in cerca di indulgenze e riconoscenza da parte di qualcuno.  Scriverò con piacere delle cose positive che mi auguro  la nuova amministrazione realizzerà. Faccio il tifo per Pignataro, non per una squadra. E questo credo di averlo  abbondantemente dimostrato.

L’opera di bonifica della palude che è diventato il nostro paese è un una cosa apprezzabile. Non  credo però ci fossero alternative,  tranne quella di pensare di parcheggiare coccodrilli al posto della auto nel parcheggio vicino alla piazza.

Spero che la maggioranza assoluta dei pignataresi – il 54%-  che ha votato contro l’amministrazione in carica venga  rappresenta in consiglio comunale da un’opposizione presente e attenta.  Non escludo ahimè   che domani,  durante il lavori per la sessione sul  bilancio del civico consesso, qualcuno tenterà  il primo salto di avvicinamento verso la maggiorana.

Percepisco una certa insofferenza alla critiche anche da parte  dell’amministrazione Magliocca e dei suoi fan.  Ritengo che il conformismo faccia male alla salute più del fumo delle sigarette,  e  dopo aver smesso di fumare da vent’anni   non è mia intenzione ammalarmi  di conformismo.   Tutte le volte che avrò qualcosa da dire lo dirò, piaccia e non piaccia, costi quel che costi.

Bartolo Mercone

© Riproduzione riservata

Share This:

1 comment for “Discontinuità è rispetto delle regole

  1. Antonio Scialdone
    26 Giugno 2016 at 20:29

    Mister, la messinscena di Magliocca nel trovare qualche stratagemma per eludere la regola era ineluttabile…
    E noi, che non siamo fans, lo possiamo dire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *