CdP

La “Villa Pignataro” della pergamena dell’anno 1268

La pergamena del 1268, rinvenuta dal canonico Giovanni Penna, autore di “ Stato antico e moderno del circondario di Pignataro e suo miglioramento”, pubblicato nell’anno 1833, e citata anche da Nicola Borrelli, autore di “Memorie Storiche di Pignataro Maggiore”, opera pubblicata ne 1940, fa riferimento ad una Villa Pignataro con tali parole: “L’origine di questa mia patria s’ignora affatto, e resta occulta sotto un’oscura notte per mancanze di scritture. Le disavventure troppo funeste, che afflissero la città di Capua nei primi anni del secolo XVI, e di cui Pignataro era uno dei casali, ci privarono delle più vetuste memorie. Mi diedi cura di visitare l’Archivio Arcivescovile, colla speranza che tra le tenebre dell’antichità apparisse per avventura alcun raggio di propizio lume atto a rischiararne l’oscurezza. Né mi andò in tutto fallito il disegno. In quelle auree pergamene, in quel tesoro nascosto, ritrovai fatta menzione più volte la Villa di Pignataro. Lasciando da parte tutte le altre, mi giova solo ricordare quella che porta la data dell’anno 1268. Perg. 2427[…] Eravi in quel tempo a Capua una civile famiglia detta Pignataro, di cui si fa degna menzione in dette Pergamene, nelle quali si trova a Campo Pignataro; a mio intendimento dal luogo del territorio ritrae il suo nome (pag.205)
Per il canonico Penna la famiglia capuana Pignataro avrebbe preso il nome dal ” luogo del territorio” e non viceversa.
Per Nicola Borrelli, il quale fa anch’egli riferimento alla pergamena 2427 del 1268, rinvenuta dal canonico Giovanni Penna, pur ipotizzando che l’origine di Pignataro risalga al tempo della nuova Capua e di Calvi longobarda, quando, cioè, morto Pandolfo, principe di Capua nell’879, e ripartite le terre del Principato tra i suoi tanti nipoti, nuove signorie fondarono centri abitati e muniti, ritiene che non sia la civile famiglia capuana Pignataro a dare il nome al paese, con le seguenti argomentazioni:
“Se il nome, invece fosse passato al paese dalla famiglia Pignataro, non si spiegherebbe l’adozione, da parte dell’Università, di tale impresa civica, e se si accettasse l’unica possibile spiegazione, che, cioè, quella impresa fosse della ripetuta famiglia Pignataro, resterebbe oscuro il motivo per cui essa dovesse passare al paese che di quella non era- per quanto ne sappiamo né feudo né possessione. Pertanto- conclude il Borrelli, è più logico pensare che , in relazione al “ campo Pignataro”, citato nella pergamena del 1268, fosse la famiglia capuana a derivare il nome dal paese, la cui etimologia sarebbe da attribuire, anche secondo il Borrelli, all’abbondanza di pini, “ che costituì il carattere precipuo dell’agro pignatarese”.
Riguardo a tale questione lo storico locale Antonio Martone, nella premessa alla ristampa di “Memorie Storiche” del Borrelli, ritiene che non è però da scartare l’ipotesi, contrariamente a quanto asserisce Borrelli, di una “ derivazione da una famiglia capuana di cognome appunto Pignataro”, alla quale si fa anche riferimento nel . (Il Pino- n. 5 del gennaio- febbraio 1973)
Successivamente, in una pergamena di epoca angioina del 1313 ritroviamo l’ulteriore riferimento a Villa Pignatari . Quindi trattasi di un ulteriore riferimento documentale a Pignataro, dopo la prima pergamena del 1126.
La pergamena è precisamente del 5 marzo 1313, scritta a Capua e avente quale oggetto una controversia insorta tra la Congregazione della Chiesa di S. Andrea ” de porta Flaviano” ed un certo ” Martonus de Palma, dictum Fossatu de Villa Pantuliani”.
La lite riguarda il mancato pagamento del canone annuo che il predetto Martone avrebbe dovuto corrispondere, secondo i patti, alla congregazione della Chiesa di Sant’Andrea.
In tale contesto si fa riferimento al luogo d’origine di una certa ” Caterina”, il quale viene definito proprio ” de Villa Pignatari”.

Villa Pignataro

Flickr Album Gallery Pro Powered By: Weblizar

© Riproduzione riservata

Share This:

2 comments for “La “Villa Pignataro” della pergamena dell’anno 1268

  1. Elisa
    29 ottobre 2018 at 17:22

    Buongiorno, è possibile prendere contatto con chi gestisce questo sito?
    Cordialmente

    • Angelo Martino
      30 ottobre 2018 at 18:05

      certo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *