CdP

Il mercatino che non si farà

CALVI RISORTA- La nona edizione del tradizionale mercatino di Natale delle economie etiche e sostenibili quest’anno non ci sarà.
E’ una difficile ma altrettanto ponderata decisione che abbiamo maturato negli ultimi mesi e che vogliamo condividere con tutte le persone che ci seguono. Una scelta sofferta appunto, ma resasi necessaria da una serie di concause. Ne annoveriamo principalmente due: le difficoltà gestionali del Laboratorio 80mq e il complicato contesto socio/economico che viviamo. Partiamo da quest’ultimo.
Fin dalla nascita, abbiamo pensato al mercatino come il luogo dove domanda e offerta potessero incontrarsi in un’ottica diversa, maggiormente improntata al riuso e al riciclo. Un posto in cui il solito consumismo natalizio lasci spazio alle eccellenze del territorio in termini di artigianato, prodotti tipici e offerta culturale. Nel tempo il mercatino è diventato per noi attivisti del Laboratorio 80mq una straordinaria opportunità di relazioni con le tante realtà che animano la nostra periferia; con molte di loro sono nate collaborazioni importanti che ancora oggi portiamo avanti e che permeano le nostre azioni quotidiane. Negli ultimi anni, tuttavia, il fiorire continuo di proposte natalizie sempre più commerciali, unito alla non sempre scontata autosufficienza economica ed organizzativa della Libreria, ha seriamente minato il mercatino, oscurandone talvolta le basi etiche su cui poggia.

Noi di 80mq non siamo tuttavia scoraggiati. Anzi. Questi mesi sono serviti a mettere in campo idee nuove che a breve potremo realizzare grazie ai fondi dell’otto per mille della Tavola Valdese; parliamo di laboratori multidisciplinari di teatro, musica, lingue ecc., che avranno nello scambio culturale e nel coinvolgimento attivo dei cittadini caleni la loro matrice fondamentale. Iniziative a costo zero per la comunità rese possibili grazie ad una costante progettazione che ci ha portato col tempo ad esplorare nuove possibilità nello sconfinato mondo della cultura in cui ancora crediamo, nonostante tutto.
E’ da queste piccole ma importanti proposte che vogliamo ripartire per cercare di ridare slancio alla nostra realtà associativa, avvicinando persone nuove, accettando critiche e suggerimenti di chi ha veramente a cuore il nostro destino. Provando a ricostruire, con chi ne avrà voglia, un bene comune chiamato Piccola Libreria 80mq.

Le attiviste e gli attivisti del Laboratorio Socio-Politico-Culturale 80mq .

© Riproduzione riservata

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *