CdP

Il tesoro nascosto dello Sri Lanka

Un tesoro nascosto da secoli che solo i minatori dello Sri Lanka sanno trovare.
Una vera caccia al tesoro è quella dei cacciatore della pietra blu, ossia dello zaffiro, tra le 70 varietà di gemme, pietre preziose nascoste nelle viscere dell’entroterra meridionale che custodisce, nelle rocce di ricche minerali, veri e propri forzieri di pietre preziose dell’isola di Trapobane ( Sri Lanka) nella storica città di Ratnapura, la “città delle gemme”. Infatti, si tratta proprio della forma di una gemma incastonata nell’Oceano Indiano con i suoi tanti nomi : Sri Lanka, Perla d’Oriente, Lacrima dell’India Ceylon per un Eden in miniatura.

Abbiamo seguito da vicino, dalle viscere della terra, i cacciatori della pietra blu fino ad arrivare alla “clinica delle pietra preziosa” che, da generazioni nella citta’ di Colombo, porta alla luce lo splendore di questo tesoro nascosto.
I minatori si alternano nel calarsi a piedi nudi nelle viscere della terra a caccia del tesoro, trasportando manualmente sacchi dal sottosuolo e, in seguito ad un processo di lavaggio, si spera di aver trovato la pietra preziosa che da secoli è lì custodita, nonostante anni di invasioni e tentativi di rubare il tesoro nascosto che la popolazione di questo paese piccolissimo, ma straordinariamente ricco di storia, tradizioni, letteratura e meraviglie della natura, ha saputo proteggere nei secoli.
Ci fermiamo per un semplice pasto a base di pesce secco e riso prima di continuare sino a sera la “caccia al tesoro”.
L’esperto di gemme porta via “la caccia del giorno”, ossia le pietre blu ancora avvolte nella “placenta” della sua madre terra, alla storica clinica delle pietre preziose ( precision lapidaries ), che da generazioni porta alla luce. Sono pietre nascoste nelle viscere della terra, pietre preziose splendenti che solo attraverso la luce naturale e l’occhio dell’esperto il quale, mentre depone delicatamente sulla mano dell’altrettanta nobile bellezza della donna singalese, esamina le pietre con diversa tonalità di splendore, attribuendo ad esse il corrispettivo certificato di nascita.
Quindi ci troviamo in un piccolo paradiso. Numerosi sono stati i nomi con cui nel corso dei secoli gli uomini hanno chiamato l’isola dello Sri Lanka, ma tutti evocano un unico concetto: bellezza sgargiante e lussuriosa della natura che ne costituisce il cuore e la tranquillità, quasi paradisiaca, del suo mare con il suo tesoro di perle in uno inaspettato spettacolo della natura.
Dobbiamo ringraziare il nostro compagno di viaggio di questa splendida testimonianza nelle viscere della terra dello Sri Lanka, Mr.Prasanta, di puro sangue singalese che, con la sua lunga barba, è soprannominato “la Tigre dello Sri Lanka” per l’ amore della sua terra e della sua gente, orgoglioso delle sue radici, conoscitore della cultura, storia e ricchezza che ha saggiamente riportato in uno dei sui libri.
Marco Polo, il famoso mercante veneziano, descrisse nei suoi scritti quanto aveva visto con i propri occhi, ossia azioni che erano ripetute allo stesso modo dopo circa ottocento anni. Allo stesso modo un osservatore moderno potrebbe osservare uomini che sanno andare nel fondo a pigliar le ostriche nelle quali sono attaccate le perle e le portano di sopra in un sacchetto di rete, legato al corpo.
“Come osservò e testimoniò il vostro magnifico navigatore italiano Marco Polo, ora come allora, tramite le stesse azioni, continueremo a difendere e proteggere lo stesso fascino immortale, i tesori frutti degli abissi come le perle, ma anche tutto ciò che proviene dalle viscere della terra con la sua ricchezza e l’immenso patrimonio culturale che appartiene solo al popolo dello Sri Lanka “, ci dice con voce decisa la nostra ” Tigre dello Sri Lanka”

Carlo Scialdone
Sri Lanka

Il Tesoro Nascosto Dello Sri Lanka

Flickr Album Gallery Pro Powered By: Weblizar

© Riproduzione riservata

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *