CdP

“C’era una volta la canapa”: incontro-dibattito presso il Museo della civiltà contadina e artigiana

PIGNATARO MAGGIORE- Venerdì 13 Settembre- ore 19,00, riprendono le iniziative del Museo della Civiltà Contadina e Artigiana “G. Santagata”, in Via Partignano 20 di Pignataro Maggiore (Ce), con un incontro -dibattito “C’era una volta la canapa …” sulla storia della coltivazione e della lavorazione della canapa in Terra di Lavoro.
L’evento si svolgerà nella Sala Incontri del Museo e vedrà impegnato Fiorenzo Marino, noto docente e scrittore capuano. Oltre a numerosi scritti sul tema
, Marino ha recentemente dato alle stampe una novella garibalbina, “Il berretto di Squille” (Ed. Spartaco, 2019) che ha riscosso notevoli apprezzamenti critici e di pubblico.
Ad affiancare Marino, Salvatore Di Vilio, storico fotografo di Succivo, curatore delle immagini riprodotte sul lavoro della canapa ed esposte nel museo pignatarese. È protagonista di numerose ed importanti mostre in Italia (Napoli, Orvieto, Torino) e nel mondo (Lishui, Cina). Conduce l’incontro Giovanni Nacca, Presidente del Museo.
Nel corso della serata, in cui saranno riprodotti brevi filmati sul tema trattato, il gruppo di musica popolare Arianova di Pignataro M., eseguirà alcuni canti della tradizione contadina del territorio. La serata
è anche l’occasione per la presentazione del nuovo Consiglio Direttivo e si concluderà con un brindisi augurale.
Consapevole della ricchezza di un patrimonio di storia e di conoscenze della civiltà contadina e dei preziosi reperti raccolti negli anni con impareggiabile passione e spirito di concreto volontariato sino ad allestire un Museo pressocchè unico nel nostro territorio, il nuovo Consiglio Direttivo saluta ed accoglie chiunque voglia aderire a un’esperienza culturale di recupero di una secolare e condivisa civiltà. Recupero che consente di ‘ricostruire’ una storiache, forse, troppo frettolosamente, è stata rimossa.
L’evento si avvale del patrocinio del Comune di Pignataro Maggiore

© Riproduzione riservata

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *