CdP

“Portami a fare un giro”

Tra i molteplici artisti che intervengono nel programma radiofonico ideato e condotto da Paolo Boruni, il “Pb Show”, promosso dall’Associazione Sportiva Culturale Disabili , in onda il martedì e giovedì dalle ore 18.00 alle ore 20.00, sulle frequenze di New Radio Network e in streaming, sul sito www.newradionetwork.it, giovedì scorso, si sono susseguiti vari collegamenti telefonici. In studio, Paolo Boruni, era in compagnia dell’attore e cantautore Antonio Marziantonio con il quale, tra un collegamento e l’altro si son sbizzarriti a gemmare delle cover in diretta. Durante le due ore di programmazione in collegamento telefonico sono intervenuti: che si son susseguiti ricordiamo Pippo Pelo, Karim Capuano, Raffaella Lecciso, Rocky Pietrantonio, la Contessa Patrizia De Blanck e Paolo Zinardi, quest’ultimo autore e compositore che ha presentato il suo album ” Portami a fare un giro”.
Paolo Zanardi inizia la sua attività di autore e compositore all’interno di una formazione chiamata Borgo Pirano e composta da musicisti tutti di origine barese nell’ormai lontano 1994. Attorno a questa carismatica figura, un po’ per somiglianza e un po’ per carattere vicina alla sagoma di Zanardi del geniale Andrea Pazienza, la band si attiva partecipando e vincendo, già nel ’96, la 2^ edizione del Premio Ciampi risultando, nel successivo anno, finalista nazionale anche ad Arezzo Wave e Rock Targato Italia. A queste tre soddisfazioni segue quella, sicuramente più ambiziosa, della 9^ edizione del Premio Città di Recanati che i Borgo Pirano finiscono per vincere. Nell’estate dello stesso 1998 la formazione partecipa all’esclusiva rassegna, dedicata ai 10 finalisti di Recanati, indetta dalla città di Zafferana Etnea e lì sa già di aver vinto anche il festival di Sonica che si svolgerà appena qualche settimana dopo nella città di Misterbianco (CT). Amico e volto per il mitico Antonio Rezza, tra gli ultimi traguardi di Zanardi c’è l’aver realizzato insieme a Giorgio Spada l’Lp intitolato “Canottiere” prodotto da ConcertOne e distribuito da Edel che raccoglie tutti i più esilaranti racconti (con commento musicale) del poeta e attore romano Remo Remotti con il quale aveva già da tempo iniziato una strettissima collaborazione per una serie di spettacoli dal vivo soprattutto nella scena notturna della capitale. Alle soglie del 2004 il tastierista della sua band, Giorgio Spada, dopo una serie di collaborazioni con vari artisti come A.Baroni, Eugenio Finardi e C.De Andrè, decide di farsi produttore-arrangiatore del primo esclusivo album di Zanardi intitolato “Portami a fare un giro” contenente i migliori brani dell’artista tra cui alcuni di quelli vincitori dei suddetti premi, dando quindi vita al progetto sotto una nuova veste e un nuovo nome: Paolo Zanardi.
Alla realizzazione del lavoro contribuisce in modo cospicuo e fondamentale Luciano D’Arienzo (bassista e chitarrista della formazione) e inoltre vi collaborano: Oscar Marino (batterista della formazione), Dario Piazzolla (batteria), Carlo Difrancesco (percussioni), Leo Gadaleta (viola, basso e organetto diatonico), Giorgio Distante (flicorno) e Sabrina Loperfido (violoncello). Dall’album, distribuito in tutta Italia a partire dalla seconda metà di giugno, in esclusiva da Venus e prodotto dalla Olivia Records di Giorgio Spada, viene estratto un primo singolo dal titolo “Giocattolaio” del quale si realizza anche una curiosissima videoclip per la regia di Graziano Conversano e successivamente il secondo video (ottobre 2005) tratto dalla traccia – titolo del disco “Portami a fare un giro” per la regia di Juan Gambino.

Lucia Vagliviello

© Riproduzione riservata

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *